sabato 31 dicembre 2016

Ciambella di panna e mele























Vi capita mai di trovarvi alla cassa del supermercato con un bricco di panna fresca nel carrello e non sapere esattamente il perché? Beh, a me spessissimo, seppure io faccia la spesa online da ben due anni. Alla consegna, è sempre una dolce sorpresa...Le ricette in cui si può impiegare la panna sono molteplici e questa è veramente ottima (l'originale è di Martha stewart, nun se pó sbagliá); il risultato, sorprendente e delizioso. Da fare e rifare, per la colazione e le merende.

Ingredienti:

400 ml di panna fresca
3 uova
270 g di farina
180 g di zucchero
Mezza bustina di lievito chimico per dolci
1 pizzico di sale
Una o due mele (o, se preferite, le pere...insomma, potete personalizzarla come preferite) 
Mezzo cucchiaino di cannella (visto che ho messo le mele...)

Preparazione:

In una ciotola capiente, montare la panna (io ho usato la planetaria...non vorrei diventasse un soprammobile), unire le uova una per volta, attendendo di averle ben incorporate nell'impasto, prima di passare oltre. Aggiungere quindi la cannella, il pizzico di sale, la farina, lo zucchero e il lievito setacciati insieme. A questo punto, abbandonare le fruste e mescolare con un cucchiaio di legno. Versare il composto in una tortiera imburrata e aggiungere le fettine di mela, posizionandole in verticale e andando a riempire la superficie. Infornare in forno caldo a 180 gradi e cuocere per circa 40 minuti, verificando la cottura con uno stecchino.

martedì 20 dicembre 2016

Biscotti avena e frutti rossi






















pietro adora i dolci (i geni non sono acqua...) ed io, per evitare le merende confezionate, cerco di preparare sempre qualcosa di fresco e genuino, alternando le tipologie di farine e ingredienti. In questa ricerca, ho trovato questa interessante ricetta...assolutamente deliziosa e semplice! In più ho scoperto che la farina di avena è priva di glutine, sebbene non possa ancora avere il simbolo della spiga barrata per motivi legati ai luoghi di lavorazione e macina. Comunque, ogni tanto, diminuire la quantità di glutine fa bene, perciò questi biscotti mi hanno doppiamente conquistata (eppoi, non ci sono uova e burro...praticamente sono vegan, se non usate il miele...). Pietro ne ha mangiati parecchi...buongustaio! (Link alla ricetta da cui sono partita)

Ingredienti:

250 g di farina di avena
70 g di zucchero (io ho usato quello di canna)
2 cucchiai abbondanti di golden syrup (o miele o sciroppo d'acero)
1/2 bustina di lievito
3 cucchiai di olio evo (belli abbondanti)
Frutti rossi disidratati (ammollati in acqua calda o in liquore tipo amaretto di Saronno)
Una manciata di fiocchi d'avena

Preparazione:

In una ciotola capiente, mettere farina, zucchero e olio e impastare velocemente con le mani. Nel frattempo, scaldare in un pentolino il golden syrup con il lievito e versare il composto nella ciotola, lavorando tutti gli ingredienti. Aggiungere i frutti rossi, eventualmente un goccio di acqua per aggiustare la consistenza e una manciata di fiocchi di avena. Mettere a riposare per una decina di minuti in frigorifero. Nel frattempo slcadare il forno a 180 gradi, poi prelevare delle palline di impasto dalla ciotola, schiacciarle con una forchetta sulla placca del forno rivestita di cartaforno. Cuocere per 12-14 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare.

Buona merenda!




lunedì 5 dicembre 2016

Pain d'epices e cake ai datteri si sono innamorati

Io amo i datteri, alla follia. E amo il sapore speziato del pain d'epices, che praticamente non mi stanca mai e vorrei sempre fare e rifare. Insomma, mettendo insieme queste mie due passioni, ho deciso di trasformare la classica ricetta del pane ai datteri e renderla simile ad un pain d'epices e il risultato mi è molto piaciuto. Anche a quel golosone di mio figlio ;)

Ingredienti:

200 g di farina
1 cucchiaino di bicarbonato 
70 g di zucchero
100 g di miele
160 g di datteri
60 g di noci
125 g di burro
60 ml di latte
2 uova
Una presa di noce moscata 

Preparazione:

Sciogliere in un pentolino il burro, lo zucchero, il miele e il latte. Aggiungere bicarbonato e datteri tagliati a tocchetti e lasciare cuocere a fuoco bassissimo un paio di minuti. Togliere dal fuoco, lasciare intiepidire e tritare il tutto in un robot da cucina, aggiungendo le noci (questo perché con un bimbo piccolo volevo evitare i pezzetti...ma un tempo avrei lasciato sia i datteri che le noci a tocchetti). Trasferire in una ciotola capiente, aggiungere la farina e le uova. Per ultimo, unire la noce moscata, assaggiando e aggiungendo le spezie che più ci piacciono. Versare in uno stampo da cake e cuocere in forno a 160 gradi per circa 50 minuti, verificando la cottura con uno stecchino.


sabato 19 novembre 2016

Castagnaccio a quattro mani

Ricetta tradizionale



Prima torta di Pietro! Troppo felice, il mio nanetto mi aiuta a cucinare le torte...beh, aiuta è una parola grossa, ma ci siamo divertiti un sacco. Cosa volere di più? La ricetta del castagnaccio è super nota e ce ne sono milioni di varianti...io ho scelto questa, che mi sembrava la più adatta ai gusti di famiglia. Interessante variante...al posto dello zucchero, il miele...anche spalmato sulla superficie del dolce, una volta cotto. Io, invece, ho usato il classico zucchero, perché di miele ne avevo in casa poco, causa tosse e raffreddore del cucciolo e mio...






Ingredienti:

300 g di farina di castagne
450 g di acqua
30 g di zucchero
35 g di pinoli
60 g di uvetta
2 cucchiai di olio
Pizzico di sale
Rosmarino

Preparazione:

In una ciotola capiente, unire la farina di castagne con lo zucchero e il pizzico di sale. Aggiungere l'acqua, mescolare con cura (lavoro adattissimo alle piccole manine), unire l'olio, i pinoli e l'uvetta (ammollata nell'acqua tiepida). Versare il composto in una tortiera di circa 24-26 cm (l'impasto deve essere alto circa 2 cm), coprire con qualche rametto di rosmarino e un filo di olio. Infornare in forno caldo e cuocere a 180 gradi per circa 40 minuti.

lunedì 2 maggio 2016

ciambella bicolore

con fornetto versilia




































Innanzitutto, cosa diavolo è il fornetto Versilia? Lo trovate nelle foto del post, è una specie di pentola in alluminio con coperchio forato e munita di un dischetto spargifiamma. In pratica si cuociono le torte sui fuochi a gas! Quindi si evita di accendere il forno, non è necessario preriscaldamento e i tempi si accorciano. A parte l'allure vintage, avevo curiosità di provare questo aggeggio e mi sono buttata con una ricetta super collaudata. Ho preparato una ciambella bicolore per la colazione. O meglio, questa era la mia intenzione...poi aprendo il frigorifero, mi sono accorta di nona vere abbastanza burro...così l'ho sostituito con il mascarpone. Per il resto, ricetta molto semplice.

Ingredienti (è un quattro quarti semplice semplice):

300 g di mascarpone
300 g di farina 00
250 g di mascarpone (qui ho abbassato le dosi, il mascarpone è dolce)
3 uova
tre cucchiai di cacao
un cucchiaino di estratto di vaniglia
una bustina di lievito chimico

burro per ungere il fornetto




Preparazione:

Ungere il fornetto Versilia e mettere il dischetto su un fuoco piccolo. Lavorare in una ciotola capiente il mascarpone con lo zucchero e le uova. Aggiungere per ultima la farina con il lievito setacciato. Unire quindi l'estratto di vaniglia e versare metà composto nel fornetto, livellando con un cucchiaio. Aggiungere alla restante metà il cacao, mescolare con cura e versare nel fornetto, sopra al resto. Livellare, chiudere con il coperchio e accendere i fuochi sul minimo. Cuocere per 30-40 minuti, ma scoperchiare solo dopo 30 minuti.


Buona colazione a tutti!