Senza glutine

Perchè senza glutine?

Non sono celiaca, sono fortunata, ma, da quando un paio di anni fa pensavamo che Dodo fosse intollerante al glutine, ho iniziato ad informarmi su questa malattia e piano piano ho maturato la convinzione che, ogni tanto, ridurre la quantità di glutine ingerita faccia bene a tutti. Senza esagerazioni o fanatismi, cerco di sperimentare ricette senza glutine che siano gustose e originali e finora non sono mai rimsata delusa del risultato.
Vi riporto qui sotto un riassunto della pagina web di altrogusto, dove la faccenda è spiegata molto bene...ed è pure interessante. Se avete voglia di capisrci qualcosa in più, leggete qui sotto.

La storia dei cereali e la nascita della celiachia

All'inizio l'alimentazione umana era a base di riso, mais e miglio, quindi naturalmente priva di glutine. Nel corso dei secoli, l'agricoltura ha selezionato tra le diverse specie di cereali le varietà con una maggiore quantità di glutine perchè il glutine, pur essendo una protenia di scarso valore nutrizionale, conferisce buone caratteristiche di tenacità ed elasticità agli impasti (e noi sappiamo bene quanto questo sia importate quando si fanno pane e lievitati!).
I mulini, per rispondere alle grandi richieste di farine, lavorano il grano ad elevate velocità rompendo la proteine del glutine, per poi reintegrarla artificialmente. Le farine ricche di glutine stanno diventando sempre più richieste.
Conseguenza di tutto ciò porta molte persone a non adattarsi al maggior presenza (artificiale e non naturale) di glutine nei prodotti dell'alimentazione. Ecco perchè la malattia “Celiachia” sta diventando sempre più diffusa.

Dove si trova il glutine?

Il glutine è la componente proteica di riserva di alcuni cereali quali: FRUMENTO(grano), SEGALE, ORZO, AVENA, ma anche FARRO, KAMUT, SPELTA, TRITICALE.

I cereali naturalmente privi di glutine sono: RISO, MAIS, GRANO SARACENO.

Le loro farine sono naturalmente senza glutine. 
Il difetto peggiore delle farine naturalmente senza glutine è che non si aggregano (manca il glutine!) e quindi, molto spesso, i dolci risultano troppo sbriciolosi. Per superare questo ostacolo, si può aggiungere lo xantano o un altro addensante.

In aggiunta a queste farine, esistono delle farine dietoterapiche in vendita nei supermercati e nei negozi specializzati, che sono prive di glutine.  Il difetto peggiore delle farine dietoterapiche è che hanno un retrogusto più o meno marcato a seconda del produttore che, a volte, disturba il sapore della nostra ricetta. 

In genere io utilizzo le farine dietoterapiche quando il quantitativo è ridotto e in presenza di sapori molto marcati (come una torta al cioccolato). Altrimenti uso un mix di farine naturalmente senza glutine, cui aggiungo un cucchiaino di xantano.

mix con farine naturalmente senza glutine:

120 g di tapioca (nelle erboristerie più fornite...oppure, partendo dalla tapioca a pallini, con un buon robot si può fare la farina...)
110 g di amido di mais
65 g di fecola di patate
220 g di farina di riso
1 cucchiaino di sale
5 g di xantano (acquistato in farmacia)

Mangiare senza glutine...fa bene a tutti!

Le miscele di riso e mais rappresentano un’ottima alternativa alla farina di grano. E’ molto importante la presenza di questi due cereali sulle nostre tavole, non solo per coloro con intolleranza al glutine ma per l’intera popolazione. Il riso possiede una spiccata digeribilità e basso indice glicemico e il mais è ricco di acqua, dà senso di sazietà. Riso e mais sono fonte di amido, proteine, fibra, vitamine e una buona parte di minerali tutto ciò di cui il corpo ha bisogno. 

La dieta senza glutine è un regime dietetico salutare per tutti con alimenti più ricchi e digeribili di quelli tradizionali.

Per digerire la pasta senza glutine il nostro stomaco impiega un'ora in meno di quanto è necessario per la pasta tradizionale. La pasta senza glutine causa molto meno fermentazioni intestinale. 
Il tutto è più digeribile con eguali calorie.

Quindi senza glutine non vuol dire senza gusto, nè tantomeno ipocalorico/dietetico!

Avete voglia di sperimentare? cercate in archivio la nuova etichetta "senza glutine"!!