martedì 23 gennaio 2018

bolo de fubà a modo mio






































della serie chi non muore si rivede...eccomi qui a condividere e "registrare" un'altra ricetta, a distanza di un anno dall'ultima (e che anno...molto molto molto pieno). Ovviamente realizzata a quattro mani (e chissà quando saranno 6...anna sorella-come la chiama pepè- per ora è poco interessata) e divorata allegramente da tutta la ciurma in meno che non si dica. La ricetta di partenza l'ho presa da giallo zafferano, è un dolce tipico brasiliano, in cui io ho sostituito la farina 00 con una parte di farina di mandorle e il latte con la panna fresca (che stava scadendo in frigorifero...NON SIA MAI). 
Molto gustosa e genuina, come piace a noi.

ingredienti:

200 g di farina di mais fioretto
100 g di farina 00
100 g di farina di mandorle
1 bustina di lievito chimico per dolci
150 g di burro a temperatura ambiente
200 g di zucchero
200 ml di panna
3 uova a temperatura ambiente
80 g di miele

preparazione:

mettere la farina di mais e lo zucchero nella planetaria (o in una capiente ciotola), aggiungere burro, uova, panna e miele e azionare le fruste, fino ad ottenere un composto omogeneo. unire per ultima le farine (00 e mandorle), setacciare insieme al lievito. azionare la planetaria per 5 minuti e versare l'impasto nella tortiera, livellando la superficie. cuocere in forno caldo a 180 gradi per circa un'ora. la farina di mais tende a scurirsi, quindi dopo 20 minuti aggiungere un foglio di alluminio.

martedì 28 febbraio 2017

Cookies con cocco e gocce di cioccolato






















Anna è nata ed io mi divido tra le esigenze di una bebè e quelle di un bimbo iperattivo...le giornate sono luuuunghe! Menomale che a Pietro piace fare le torte, così riusciamo a fare qualcosa tutti insieme (Anna nella fascia con me).
Questa ricetta l'ho presa dal libro di donna hay sul cioccolato e, a discapito dell'aspetto non molto alla  moda, il gusto è veramente sorprendente. Eppoi sono veloci veloci!

Ingredienti:

125 g di burro morbido
175 g di zucchero di canna
2 uova
300 g di farina setacciata con un cucchiaino di lievito
75 g di cocco disidratato
185 g di gocce di cioccolato fondente

Preparazione:

In una ciotola capiente, mettere burro morbido e zucchero e sbattere bene con lo sbattitore elettrico, fino ad ottenere un composto cremoso. Unire le uova, quindi la farina, il lievito, il cocco e le gocce di cioccolato. Mescolare con un cucchiaio di legno e ottenere delle palline di impasto da posizionare sulla placca da forno leggermente schiacciate e un pochino distanti tra loro. Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 12 minuti.


lunedì 23 gennaio 2017

Torta con crema di ricotta
























Anna, sbrigati a nascere, sennò qui diventiamo 150 kg! Questa ricetta l'ho presa su un altro blog e l'ho leggermente modificata...è veramente eccezionale! Provare per credere!

Ingredienti (per due torte da 18 cm di diametro):

250 g di farina
150 g di zucchero
100 g di burro
4 uova intere
300 g di ricotta di pecora
Un bricco di panna da cucina uht
Latte qb per ammorbidire l'impasto
Mezza bustina di lievito per dolci
Un paio di cucchiai di miele millefiori
Un pizzico di sale
Un cucchiaio di estratto di vaniglia

Pepite di cioccolato o cacao (per fare effetto variegato)

Preparazione:

In una ciotola capiente, montare due uova con lo zucchero (meno due cucchiai che servono per la crema), utilizzando le fruste elettriche. Aggiungere il burro fuso e raffreddato, il miele, la farina setacciata con il lievito, il sale e il latte per ammorbidire l'impasto, sempre usando le fruste elettriche. Aggiungere le gocce di cioccolato o quello che preferite (io suggerisco sapori amari o aciduli, visto che la crema alla ricotta è dolce). Versare il composto nelle due tortiere rivestite di cartaforno bagnata e strizzata. A questo punto preparare la crema di ricotta, unendo la ricotta con i due cucchiai di zucchero, l'estratto di vaniglia, la panna, le due uova, usando le fruste elettriche. Versare sull'impasto e cuocere in forno caldo a 175 gradi per circa 30 minuti. Fermare la cottura anche se la ricotta sembra non ancora completamente rassodata, perché da fredda si solidificherà. Spolverare con zucchero a velo e servire!














venerdì 20 gennaio 2017

Panbrioche con lievito secco

























tra poco finirà questo periodo di voglie pazze e non potrò più coccolare me e la mia famiglia con dolci freschi ogni settimana...per cui, perché non approfittarne ancora un pochino, finché Anna non si decide a farsi conoscere? Questo panbrioche è un incrocio di più ricette...mi è piaciuto il risultato (anche se preferisco quello con pasta madre...ma ora non ho proprio più quel tempo a disposizione...), ma aggiungerei la prossima volta due cucchiai abbondanti di miele. Risulta poco dolce, perfetto per chi, come me, non ama abbondare con lo zucchero e per chi intende consumarlo spalmato di creme e confetture, per una colazione coccolosa.

Ingredienti:

350 g farina 0
200 g farina Manitoba
125 ml di latte intero
125 ml di yogurt
Una bustina di lievito secco
Un pizzico di sale
125 g di burro ammorbidito
2 uova intere e un tuorlo
130 g di zucchero semolato
2 cucchiai abbondanti di miele

Per la glassatura

Un albume
Zucchero semolato 


Preparazione:

Sciogliere il lievito nel latte tiepido con un cucchiaino di zucchero. Mettere le farine e lo zucchero nella planetaria (o in una ciotola, se userete le fruste elettriche con il ricciolo o se impasterete a mano), aggiungere il lievito e, poco per volta, le uova sbattute, fino ad ottenere un impasto lucido e incordato. A questo punto, unire lo yogurt, amalgamare con cura, e unire il burro ammorbidito. L'impasto finale, dopo una quindicina di minuti, dovrà essere lucido e ben incordato. Per ultimo aggiungere il pizzico di sale e continuare ad impastare per una decina di minuti. Coprire la planetaria con una pellicola e far lievitare in luogo tiepido per circa tre ore, fino a quando non avrà triplicato il suo volume. Raggiunto questo punto, impastare brevemente per ricavare le forme volute (treccia o panini o pane in cassetta...come più vi piace), rimettere a lievitare per un paio di ore, spennellare con albume e spolverare con zucchero semolato e cuocere quindi in forno caldo a 170 gradi per circa 40-45 minuti.

Io ho aggiunto anche una ciotola a di uvetta, visto che Pietro ne va matto! Le ho aggiunte direttamente nell'impastatrice, dopo averle ammollate in acqua tiepida.