venerdì 20 gennaio 2012

Sticky toffee pudding


Sempre all'insegna delle "ricette del recupero", ecco un modo sfizioso di salvare dall'oblio i datteri di Natale. La ricetta proviene dal libro "il caramello delle meraviglie" di Trish Deseine ed è ottima, molto semplice e di grande effetto. Il dolce è tipicamente british, la torta molto soffice e bagnata e la salsa al caramello assolutamente irrinunciabile.

Vi prometto che questo dolce farà impazzire pure chi non ama i datteri...

Ingredienti:

60 g di burro morbido
180 g di zucchero di canna
3 cucchiai di golden syrup (o miele)
2 uova
200 g di farina
1 bustina di lievito
200 g di datteri denocciolati
300 ml di acqua bollente
1/2 cucchiaio di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o mezza bacca di vaniglia)

per la salsa:
110 ml di panna fresca
60 g di burro tagliato a pezzettini
60 g di zucchero di canna mascobado
3 cucchiai di golden syrup (o miele)

Preparazione:

Mettere in una ciotola capiente il  burro morbido e lo zucchero e sbattere per bene. Unire il miele, molto lentamente e le uova, continuando a sbattere con le fruste elettriche, fino a dottenere un composto liscio. Versare la farina setacciata insieme con il lievito e mescolare con un cucchiaio di legno, fino ad amalgamare bene gli ingredienti. Mettere nel robot da cucina i datteri denocciolati e tagliati a tocchetti e versare l'acqua bollente. Frullare e ridurre in purea. Aggiungere il bicarbonato e l'estratto di vaniglia. Versare la purea di datteri ancora calda nella ciotola con l'impasto e amalgamare con cura. Versare negli stampini imburrati ed infarinati (io ho usato gli stampini da muffin e sono usciti circa una dozzina di mini pudding) e cuocere a 200°C per circa 15-20 minuti, fino a quando la superficie è soda. Per la salsa, mettere tutti gli ingredienti in un pentolino e cuocere a fuoco basso, fino a ebollizione, mescolando un poco. Sformare i pudding e coprirli di salsa calda. una veria goduria!


2 commenti:

  1. Ottima ricetta di recupero. A me i datteri non piacciono, ma mi hai convinto con quel tuo "farà impazzire anche chi non ama i datteri"! Buon weekend, Cat

    RispondiElimina
  2. per afrodita: prova e vedrai che ti piacerà! i datteri si sentono a malapena e non hanno la consistenza appiccicosa che di solito scoraggia le persone che non li amano particolarmente...vedrai, è una ricetta molto gustosa!

    RispondiElimina